A COLLOQUIO CON LA PITTRICE PINA MAGRO di Giovanni Moschella

Abbiamo intervistato la pittrice e poetessa Pina Magro di Caserta, dove nelle sue opere pittura e poesia si fondono toccando l’anima del fruitore. La sua produzione artistica è presente presso il MAC Museo Artistico Contemporaneo di Capua.

Ci parli dei suoi studi e della sua formazione

Sono poetessa, pittrice, operatrice culturale ed ho realizzato numerose collettive e personali. Già docente di discipline artistiche, ho ottenuto diversi premi ministeriali per meriti didattici. Ho conseguito il diploma di maestro d’arte presso l’istituto statale d’arte di Napoli e il magistero d’arte e successivamente mi sono abilitata per l’insegnamento per le scuole di primo e secondo grado.

 

Quando ha inizio l’interesse per la pittura.

L’interesse per la pittura ha inizio da sempre. In particolare alle scuole elementari e medie i miei docenti mi hanno indirizzato verso gli studi artistici che mi hanno permesso di insegnare la disciplina artistica.

Che cosa vuole trasmettere al fruitore attraverso i suoi dipinti.

Attraverso i miei dipinti con una ricerca di luce tra colori delicati, ciò che voglio evidenziare nelle mie espressioni pittoriche con i miei colori è l’intimità e la sensibilità profonda di un mondo interiore dove prevale l’osservazione del cielo e della terra nell’infinito.

Poi l’attesa, la speranza ed il tutto si riporta a quei risultati d’amore e fede. La natura predomina con colori che accarezzano le atmosfere, tra silenzi e distese.
Raggiungo così la poesia, vera fotografia paesaggistica della mia fase adolescenziale, ricca di riflessioni, toccante, semplice. L’emozione tocca la mia mente e l’esplorazione artistica ne libera il pensiero.

Spesso è anche pittura e poesia degli stati d’animo. Ogni soggetto appartiene ad una sfera di pensiero positivo emozionale che raccoglie quei momenti catartici estemporanei pieni di ispirazione. Una mescolanza di pittura e liriche con musica di parole.

Come rappresentare su una tela fiori, che  rivelano poi rime d’amore. Sono momenti di creatività e si presentano, allorquando nasce un’opera in quel trapasso a realizzare. Quindi pittura e poesia nel senso di sintonia.

E’ stata docente per molti anni, come è cambiato l’insegnamento negli anni.

Con l’inserimento nelle scuole dei computer, molti esempi di riferimento nell’ambito della conoscenza artistica sono più avanzati da un punto di vista tecnologico e da un punto di vista tecnico-pittorico.

Quali i suoi prossimi impegni.

Dopo varie esperienze nell’ambito della scuola e quelle personali nell’ambito della pittura e della poesia ho continuato questa mia attività presso il museo contemporaneo artistico MAC di Capua, dove opero nel mio laboratorio dividendomi tra poesia, pittura e ceramica e dove è presente la  mia produzione pittorica e artistica.

Giovanni Moschella


@Riproduzione riservata

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.