A SASSARI IL CONVEGNO SULL’ANTICA CITTA’

Il centro storico di Sassari.  Mappatura delle evidenze sotterra

Lunedì 16 maggio, alle 17 all’Archivio storico comunale si terrà la conferenza di presentazione del progetto “Opere di demolizione nel centro storico di Sassari (secoli XIX-XX). Censimento e mappatura delle evidenze sotterranee”. L’evento è inserito nella mostra “Oltre il Castello di Sassari. Monumenti scomparsi: tra scavo d’archivio e scavo archeologico (secoli XIX-XX)”.

Lo studio esamina il censimento e la mappatura degli immobili all’interno delle mura della città antica e delle loro pertinenze sotterranee, che furono demolite tra la seconda metà dell’Ottocento e gli anni in cui trovò parziale realizzazione il progetto di risanamento del centro storico previsto nel cosiddetto “Piano Petrucci” (1938-1941). La ricerca riporta alla luce le opere demolite del centro storico cittadino, con una dettagliata ricostruzione grafica. I risultati ottenuti offrono una chiara visione dell’evoluzione edilizia della città vecchia in un periodo di particolare fermento e sviluppo urbanistico: un arco di tempo in cui si attuarono i piani di abbellimento e risanamento igienico – sanitario, per i quali si demolirono alcuni isolati con conventi e chiese, tratti delle mura medievali e delle loro torri. Il lavoro è stato curato dall’archeologa Florinda Corrias sulla documentazione dell’Archivio storico comunale, sotto la direzione scientifica di Paolo Cau e il coordinamento di Daniela Rovina, della Soprintendenza Archeologia Sardegna. Aprirà i lavori il sindaco Nicola Sanna; interverranno, dopo l’esposizione del progetto, Maura Picciau, soprintendente Beni Ambientali e Paesaggio delle provincie di Sassari, Olbia – Tempio e Marco Milanese, direttore del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione, Università degli Studi di Sassari. Concluderà Raffaella Sau, assessora alle Politiche per lo sviluppo locale, cultura e turismo.

Print Friendly, PDF & Email

About Eleonora Davide

IL DIRETTORE RESPONSABILE Giornalista pubblicista, è geologa (è stata assistente universitaria presso la cattedra di Urbanistica alla Federico II di Napoli), abilitata all’insegnamento delle scienze (insegna in istituti statali) e ha molteplici interessi sia in campo culturale (organizza, promuove e presenta eventi e manifestazioni e scrive libri di storia locale), che artistico (è corista in un coro polifonico, suona la chitarra e si è laureata in Discipline storiche della musica presso il Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino). Crede nelle diverse possibilità che offrono i mezzi di comunicazione di massa e che un buon lavoro dia sempre buoni risultati, soprattutto quando si lavora in gruppo. “Trovo entusiasmante il fatto di poter lavorare con persone motivate e capaci, che ora hanno la possibilità di dare colore e sapore alle notizie e di mettere il loro cuore in un’impresa corale come la gestione di un giornale online. Se questa finestra sarà ben utilizzata, il mondo ci apparirà più vicino e scopriremo che, oltre che dalle scelte che faremo ogni giorno, il risultato dipenderà proprio dall’interazione con quel mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.