AD ASSEN ROSSI TORNA IN POLE. LORENZO SOLO OTTAVO

Valentino Rossi conquista la pole position del GP d’Olanda, sul tracciato di Assen, con il tempo incredibile di 1’32.627, nuovo record della pista. Secondo tempo per Aleix Espargaro (Suzuki), mentre completa la terza fila Marc Marquez. Solo ottavo crono per Lorenzo.

 

Il Dottore sorprende tutti nell’ultima fase della Q2, soffiando in extremis la pole, che mancava al pesarese dal GP di Valencia del novembre 2014, ad Espargaro, e rispondendo alle critiche che vedevano nel giro secco il suo punto debole. E invece Rossi è stato formidabile e veloce fin dal venerdì di prove, concluso sempre tra i primi tre, segno evidente anche di un ottimo passo gara.

Seconda posizione per Aleix Espargaro e la sua Suzuki, che, facendo parte della categoria “Open” (come la Ducati), ha potuto contare su una mescola extra soft che lo ha messo in condizione di lottare sino in fondo per la pole.

Chiude la prima fila Marc Marquez, chiamato al riscatto dopo il catastrofico week-end di Catalunya, concluso con la caduta ad appena 3 giri dal via.

Non sorride l’altra metà del box Yamaha, con Lorenzo solo ottavo. Il maiorchino, che viene da uno splendido momento di forma (4 vittorie consecutive), è chiamato ad una di quelle rimonte a cui ci ha abituato finora il suo compagno di squadra, Valentino Rossi.

In difficoltà le Ducati, con Iannone sesto e Dovizioso soltanto decimo. A preoccupare la casa di Borgo Panigale è però il ritmo gara, apparso poco competitivo o, comunque, non al livello dei top team, nella speranza che il nuovo telaio possa far fare il salto di qualità che i tifosi aspettano.

Francesco Medugno

@ Riproduzione Riservata

 

Qui i risultati del Q2 del GP d’Olanda

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.