DARIO CANDELA E CIMAROSA INCANTANO IL PUBBLICO DI AVELLINO

Baiano e Candela

Ieri sera il Conservatorio Cimarosa ci ha regalato un altro di quei momenti, “particolari” per chi gode del piacere della buona esecuzione musicale, che accade di vivere in quel luogo. L’occasione è stata, come avevamo annunciato, la presentazione dell’incisione dell’integrale delle Sonate di Domenico Cimarosa, incise da Dario Candela per Dynamic. Questa presentazione è stata ingegnosamente inserita nella rassegna che Maria Pia Cellerino da alcuni anni propone al pubblico avellinese sotto il nome di “Corollario Italiano” insieme a un florilegio di compositori che elevano quello spirito di parte che noi italiani dovremmo coltivare di più; cosicché l’evento ha fruito di un contenitore ideale dove il nostro campano Cimarosa ha avuto in qualche modo ragione di un disinteresse ingiustificato che i palchi riservano alle sue composizioni strumentali.

MARIA PIA CELLERINO

MARIA PIA CELLERINO

Ad affiancare il pianista in un brillante dialogo sulle ragioni dello studio interpretativo di Candela è stato Enrico Baiano, massima autorità in tema di prassi esecutiva e di cultura clavicembalistica, docente dell’Istituto musicale. Dopo di ché il recital ha lasciato spazio all’ascolto, mostrando le indiscutibili doti di un pianista dall’ottima formazione (è stato allievo di Aldo Ciccolini, Sergio Fiorentino e Fausto Zadra) e dalla grande sensibilità, doti che gli hanno permesso di leggere il prolifico repertorio musicale del maestro di Aversa come se lo leggesse un napoletano della metà del Settecento. Il pianoforte sul palco ha risuonato spesso come un fortepiano, mentre il piedino vispo di Candela accentuava dove necessario e le sue mani infiorettavano, come se avesse improvvisato lo stesso Cimarosa. Il passaggio dalle Sonate in minore a quelle in maggiore, nello svolgersi del ben costruito programma di esecuzione, è stato gradito dal pubblico entusiasta ma composto, assorto, attento alle più piccole variazioni della parca dinamica dei pezzi cimarosiani. In un succedersi di sorprese ed emozioni si è dipanata la presentazione del secondo e terzo volume della raccolta che saranno pubblicati a breve seguendo quella del primo, già in vendita dalla primavera del 2016. Il contrasto con le ballate di Chopin, che hanno chiuso il concerto, ha evidenziato l’evoluzione che il suono ebbe nell’arco dei cinquant’anni che pressappoco passarono tra la composizione delle opere dei due compositori, rivelando la funzione del pianoforte rispetto allo strumento suo predecessore.

Stremato dopo la difficile esecuzione ed emozionato dopo il lungo applauso del pubblico che lo ha chiamato a riproporsi due volte al pianoforte, Candela ha salutato con calore i suoi fan.

©Riproduzione riservata WWWITALIA

Print Friendly, PDF & Email

About Eleonora Davide

IL DIRETTORE RESPONSABILE Giornalista pubblicista, è geologa (è stata assistente universitaria presso la cattedra di Urbanistica alla Federico II di Napoli), abilitata all’insegnamento delle scienze (insegna in istituti statali) e ha molteplici interessi sia in campo culturale (organizza, promuove e presenta eventi e manifestazioni e scrive libri di storia locale), che artistico (è corista in un coro polifonico, suona la chitarra e si è laureata in Discipline storiche della musica presso il Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino). Crede nelle diverse possibilità che offrono i mezzi di comunicazione di massa e che un buon lavoro dia sempre buoni risultati, soprattutto quando si lavora in gruppo. “Trovo entusiasmante il fatto di poter lavorare con persone motivate e capaci, che ora hanno la possibilità di dare colore e sapore alle notizie e di mettere il loro cuore in un’impresa corale come la gestione di un giornale online. Se questa finestra sarà ben utilizzata, il mondo ci apparirà più vicino e scopriremo che, oltre che dalle scelte che faremo ogni giorno, il risultato dipenderà proprio dall’interazione con quel mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.