GLI SPETTACOLI DELLA CASA DEL TEATRO RAGAZZI E GIOVANI

9-gennaio-antigone-3-0

Prosegue a pieno ritmo la programmazione della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani.

  • KOLOK I terribili vicini di casa

Un paese tranquillo ai confini del mondo. E due balconi, per rappresentare un intero condominio. La vita scorre tranquilla da decenni, ma una mattina tutto cambia. Il nuovo inquilino dell’appartamento sfitto è straniero. E’ uno che parla strano, veste strano e ha strani capelli. Cosa ci fa qui? A confronto due personaggi che dopo l’iniziale diffidenza, unendo il circo al teatro e la poesia al divertimento, impareranno a diventare amici.

dai 4 anni

Il duo Milo & Olivia nasce nel 2003 e dall’unione delle loro due personalità esplode un nuovo modo di fare circo e di concepire il teatro: un genere che affonda le radici nel nouveau cirque, ma con un intento narrativo più marcato grazie ad una solida drammaturgia e all’approfondimento teatrale dei loro studi. Diplomatisi infatti all’Accademia d’Arte Dinamico Drammatica della California (Dell’Arte International), Milo e Olivia non si sono mai accontentati della mera esecuzione tecnica di difficili numeri acrobatici. Ma scavando nei meandri della realtà vanno alla ricerca della commistione totale fra i principali generi della rappresentazione dal vivo (teatro, circo, danza), territorio di confine tra reale e surreale. Una formazione circense ai più alti livelli conseguita presso l’Ecole Nationale de Cirque de Montreal e l’Accademia d’Arte Circense di Verona permette loro di diventare di volta in volta attori, equilibristi, giocolieri, danzatori, acrobati, riuscendo a trascinare il pubblico in modo raffinato e mai banale nelle trame dei loro spettacoli.

  • Eleonora Frida Mino racconta in ANTIGONE 3.0 la vita di donne ostinate che hanno sfidato o abbracciato la mafia. Di donne che hanno subito il sistema mafioso e donne che hanno scelto la mafia: vittime o carnefici. Sei protagoniste per tre serate, sei figure femminili contrapposte tra loro: il bene contro il male (comprese le “zone grigie”), la legalità contro la mafia. Tre esempi “in rosa” di chi ha abbracciato la malavita o, se pur indirettamente, sostenuta; e tre di chi al contrario l’ha rifiutata, combattuta anche a costo della propria vita oppure l’ha subita.

Ogni serata fotografa due differenti donne che hanno un elemento in comune: cammini di vita fra scelte complesse e attraverso la forza ribelle dei sentimenti. Il primo reading di venerdì 13 gennaio aprirà il percorso teatrale raccontando da un lato la storia di Lucia Riina, figlia di Totò Riina, che in più occasioni ha difeso il padre pubblicamente, definendosi orgogliosa del cognome di famiglia; e dall’altra la vita di Denise Cosco, figlia di Lea Garofalo uccisa dal marito e fatta sparire, perché si era ribellata all’ ‘ndrangheta.

In scena con l’attrice ci saranno anche Giulia Salza che illustrerà living le letture e la coppia di musicisti Matteo Castellan (alla fisarmonica) e Giulia Subba (al violino), che accompagneranno con la loro musica l’esposizione di Eleonora Frida Mino. Il progetto è stato ideato dalla Mino, con la collaborazione di Roberta Triggiani, autrice torinese, e della giornalista di Vanity Fair Tamara Ferrari, esperta di criminalità organizzata, che ha fornito un valido supporto di materiale da rielaborare.

  • Chi sono i protagonisti di Sax Crime. Assassinio al jazz club, racconto breve, nato all’interno del libro Sassofoni e Pistole di Franco Bergoglio, che indaga le relazioni pericolose tra jazz e romanzo poliziesco? Un detective, un musicista assassinato e una vera indagine che si dipana tra note, canzoni e scazzottate. Sullo sfondo i buoni e i cattivi, personaggi della malavita, giocatori d’azzardo, bionde appariscenti, musicisti jazz (che suonano del vivo) e un intricato intreccio amoroso. Il detective dovrà indagare negli ambienti dei locali notturni frequentati dal sassofonista ucciso, i musicisti in scena saranno veri jazzisti che suonano dal vivo e come sempre di mezzo c’è anche un intreccio amoroso. Cherchez la femme, dicono i duri e quelli ancora più duri rispondono di seguire l’odore dei soldi. Ma il detective è caparbio, e tra una canzone o un blues il colpevole salterà fuori.

 

CASA DEL TEATRO RAGAZZI E GIOVANI  Corso Galileo Ferraris 266 – Torino

tel. 011.19740280 – biglietteria@casateatroragazzi.itwww.casateatroragazzi.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.