Il 15 settembre al Teatro Olimpico di Vicenza il vincitore del Premio Campiello 2020

Firmacopie nella Loggia del Capitanato e iniziative speciali con librerie ed esercizi commerciali

Chi giungerà alla consacrazione del Premio Campiello nell’edizione 2020? La proclamazione sarà decretata a Venezia il 5 settembre e Vicenza ospiterà la prima uscita ufficiale del vincitore martedì 15 settembre alle 18.30 nell’esclusiva location del Teatro Olimpico.

Si contendono l’ambita “vera da pozzo”, il trofeo in oro e argento assegnato a chi si aggiudica il Premio Campiello, Con passi giapponesi di Patrizia Cavalli (Einaudi), Sommersione di Sandro Frizziero (Fazi), Tralummescuro di Francesco Guccini (Giunti), Vita morte e miracoli di Bonfiglio Liborio di Remo Rapino (Minimum fax) e L’incanto del pesce luna di Ade Zeno (Bollati Boringhieri).

Con il vincitore assoluto del Premio sarà presente a Vicenza anche la vincitrice del Campiello Opera Prima, Veronica Galletta, che con L’isola di Norman (Italo Svevo) si è aggiudicata la 25a edizione.

“Nel segno della nuova collaborazione letteraria nata fra il Comune di Vicenza, Confindustria Vicenza, la Fondazione Il Campiello e la Biblioteca Bertoliana – dichiara l’assessore alla cultura del Comune di Vicenza – l’iniziativa diventa un’importante occasione per condividere il valore del Premio e dei libri con le persone, e per farne un’occasione di “riavvicinamento sociale” dopo mesi di distanziamento. Ringrazio tutti i partner che con entusiasmo hanno aderito a questa nuova avventura”.

L’evento è il risultato della sinergia tra l’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, Confindustria Vicenza e la Biblioteca Bertoliana, Il Giornale di Vicenza e le librerie della città Galla 1880, Traverso, Giunti al Punto, San Paolo, con il sostegno di “Vicenza città che Legge” e “Profumo di carta”, importante rassegna dedicata ai libri di Isola Vicentina, e con il supporto economico di Banca San Giorgio Quinto Valle Agno.

Claudia Piaserico, vicepresidente di Confindustria Vicenza e promotrice del progetto Fabbricare Valori, ricorda i valori del Premio: “Quando gli industriali del Veneto fondarono il Premio Campiello ormai quasi 60 anni fa, non fu un’operazione d’avanguardia, fu una declinazione naturale di quel che vuol dire essere degli imprenditori che amano la propria terra. E che quindi, oltre ad avere la responsabilità di fare impresa, devono e vogliono prendersi la responsabilità di promuovere lo sviluppo del pensiero, della cultura e della bellezza, ovvero dell’essere dei cittadini a tutto tondo. In questo senso, ringrazio il Comune e la Bertoliana per aver voluto impegnarsi e per aver voluto coinvolgerci nel costruire questo appuntamento che una città come Vicenza meritava. Spero sia solo il primo di una lunga serie di appuntamenti che possano unire Vicenza e il Campiello e che magari possa essere preso ad esempio anche da altre realtà importanti del territorio”.

“Condividere cultura è anche leggere e raccontare un libro – sottolinea la presidente della Bertoliana – Per questo motivo la biblioteca è particolarmente orgogliosa di poter affiancare l’assessorato alla cultura e Confindustria Vicenza nella realizzazione di questa importante iniziativa. È bello vedere come molte realtà della nostra città, quali librerie, negozi, bar e ristoranti, associazioni di lettori, abbiano aderito con interessanti proposte collaterali all’evento, facendo in modo che Vicenza già da oggi parli “la lingua del Campiello”. Inoltre, il Campiello quest’anno è anche un po’ vicentino dato che Costanza Muraro, studentessa del Liceo Pigafetta, ha vinto il premio speciale in una delle sezioni del Premio Campiello Giovani per il miglior racconto inedito in tema socio-ambientale, con il testo Imprevedibile”.

La serata del 15 settembre al Teatro Olimpico vedrà i saluti del sindaco di Vicenza, della vicepresidente di Confindustria Vicenza, dell’assessore alla cultura del Comune, e di Piero Luxardo, presidente del Comitato di gestione del Premio Campiello; presenterà Marta Cagnola, giornalista e speaker di Radio24; le letture saranno affidate all’attrice e scrittrice di Arzignano, ma ormai romana d’adozione, Anna Dalton.

Dopo l’incontro in teatro, tra le 19.30 e le 20, gli autori incontreranno i lettori per un firmacopie nella Loggia del Capitaniato.

In preparazione della serata del 15 settembre sono previsti alcuni appuntamenti di “riscaldamento” realizzati in collaborazione con Il Giornale di Vicenza, le librerie della città e l’associazione Vetrine del centro storico.

Dal 24 agosto al 5 settembre, nelle sedi centrali della Bertoliana di Palazzo San Giacomo e Palazzo Costantini e nelle librerie Galla 1880, Traverso, Giunti al Punto, San Paolo sarà aperto “Il GiocaCampiello”, un sondaggio per sapere chi potrebbe essere per i vicentini il vincitore del Campiello: ci saranno sei urne dove votare la propria preferenza e poi il 7 settembre da ognuna sarà estratto un vincitore che riceverà in dono un libro offerto dalla Bertoliana e un posto riservato alla serata del 15 settembre.

Alberto Galla, titolare delle Librerie Galla1880 e Galla+Libraccio manifesta “grande entusiasmo a questa iniziativa che non solo dà un giusto rilievo vicentino ad uno dei più prestigiosi e longevi premi letterari nazionali, nato dalla lungimiranza degli imprenditori veneti, ma soprattutto coinvolge l’intera città nel mettere al centro i libri, i lettori e la lettura”.

Per Valentina Traverso,dell’omonima libreria, “questo è un momento importante e sentito sia dai lettori che dagli addetti ai lavori. Da sempre, molta è l’attenzione dei lettori nello scoprire la rosa dei finalisti, scelti dalla giuria, ed ancora di più verso tutti i vincitori delle tante sezioni del premio. Le nostre vetrine ospiteranno i libri dei finalisti di questa e delle passate edizioni, ed anche sui nostri social condivideremo post e recensioni riguardanti il premio, tutto a corollario dell’evento che culminerà in piazza dei Signori a Vicenza”.

Soddisfazione è stata espressa per l’iniziativa anche da Giorgio Sandini, presidente della  Banca San Giorgio Quinto Valle Agno, e da Nicola Piccolo, di Confcommercio Vicenza sezione centro storico..

Dal 25 agosto i canali social della Biblioteca Bertoliana e delle librerie e della rassegna Profumo di carta ospiteranno i video realizzati da Adifly con le interviste della giornalista del Giornale di Vicenza Nicoletta Martelletto ai finalisti del Campiello e alla vincitrice del Campiello Opera Prima: un botta e risposta tra giornalista e scrittore capace – in brevissime battute – di incuriosire alla lettura e alla scoperta del libro.

Anche le Vetrine del Centro collaborano all’iniziativa e ospiteranno dal 31 agosto al 15 settembre l’iniziativa “I Signori del Campiello: scrittori e scrittrici che hanno vinto il Premio”. Nei 58 anni di vita del Premio Campiello sono infatti passati per il concorso i più grandi scrittori della letteratura italiana: Primo Levi, Mario Soldati, Dacia Maraini, Michela Murgia, Margaret Mazzantini, solo per citarne alcuni. I loro libri saranno esposti nelle vetrine del centro, occasione per ricordare o riscoprire testi che hanno segnato la nostra vita. Anna Jannò, presidente dell’associazione Vetrine del Centro, si dice “onorata di poter partecipare a questa prestigiosissima manifestazione. Negozi, bar, ristoranti della nostra associazione faranno il possibile per rendere ancora più visibile e piacevole l’evento: auspichiamo che cultura e commercio si affianchino sempre per il bene della città”.

Infine, per tutta la giornata di martedì 15 settembre, gli esercenti del centro storico di Vicenza aderenti all’iniziativa promuovono “Uno SPECIALE Campiello 2020” proponendo ai clienti che si presenteranno con un libro della cinquina del Campiello 2020 un’offerta speciale a loro dedicata.

L’iniziativa del 15 settembre al Teatro Olimpico è a ingresso gratuito su prenotazione. I posti disponibili sono 200.

 

Print Friendly, PDF & Email