Il Normanno, la recensione

il normanno

Il Normanno, romanzo storico di Eleonora Davide, pagine 245, costo € 12,00

La scrittura è un’arte.

Forse, per alcuni, meno utile delle scienze ma è sempre un’opera di ingegno. Lo scrittore, che sia poeta o narratore, mette in campo sé stesso per donarsi al lettore.

Nel romanzo storico la fantasia si unisce ad un paziente e meticoloso impegno nella ricerca delle fonti. Ed è ciò che ha fatto Eleonora Davide per il suo Il Normanno.

La sua minuziosa ricerca è chiara sin dalle prime pagine del libro e, nel corso della lettura, diventa sempre più abile a far entrare il lettore nel racconto. Le descrizioni, le amabili riflessioni e la presenza di un personaggio principale, che diventa l’essenza stessa delle vicende narrate, ne fanno un testo esplicativo della vita quotidiana del feudalesimo.

Siamo, infatti, all’inizio XII secolo quando i Normanni, dapprima assoldati come mercenari, riuscirono a creare dei veri e propri imperi in Italia meridionale. Inizialmente la Chiesa ne fu preoccupata ma fu proprio grazie a loro che i popoli del Nord Europa furono scacciati e la speranza del papa a non avere più morte e distruzione si realizzava.

Il luogo della storia è il feudo di Monte Forte che i Longobardi tramano per riconquistare.

Cavalieri, dame, abiti e feste sontuose ma anche la vita semplice dei contadini e degli abitanti del bosco e del castello animano il romanzo.

Il Normanno non è, però, solo feudalesimo, è anche un giallo e una storia d’amore.

Il ritratto della società si realizza, come già detto, nelle gesta del protagonista ma sono tante le figure che compaiono nella storia. Magia, superstizione, inganni, sogni, visioni e premonizioni ne fanno una lettura avvincente e la narrazione è semplice ma dettagliata.

La storia vera è intessuta in una trama fitta di colpi di scena ed eventi a sorpresa che la arricchiscono rendendola viva.

Il Normanno racconta una piccola parte di ciò che è accaduto entrando nel territorio Irpino di cui, certo, non si parla nei libri di storia.

Per questo ultimo motivo sarebbe, magari, utile la lettura ai giovani studenti delle scuole medie che potrebbero calarsi così degli avvenimenti nella vita di un “castello”.

Per l’acquisto

Maria Paola Battista

@riproduzione riservata WWWITALIA.EU

Print Friendly, PDF & Email

About Maria Paola Battista

Amo ascoltare, leggere, scrivere e raccontare. WWWITALIA mi dà tutto questo. Iniziata come un’avventura tra le mie passioni, oggi è un mezzo per sentirmi realizzata. Conoscere e trasmettere la conoscenza di attori, artisti, scrittori e benefattori, questo è il giornalismo per me. Riguardo ai miei studi, sono sociologa e appassionata della lingua inglese, non smetto mai di studiare perché credo che la cultura sia un valore. Mi piace confrontarmi con tutto ciò che è nuovo anche se mi costa fatica in più. Difetti? Non ho una buona capacità di guardarmi intorno e, strano a comprendere forse, non sono molto curiosa! Grazie ai lettori di WWWITALIA per l’attenzione che riservano ai miei scritti e mi auguro di non deluderli mai. mariapaolabattista@wwwitalia.eu