L’ammore, di Nando Percopo

nando 2

Ci stà ‘na legge ‘nfame

O primmo ammore nun se scorda mai

‘Nata femmena è trasuta

Int’a vita mia

Ma nun è stata capace

E mo fa scurdà

Però ‘na cosa sola

A vulesse sapè

Si p’e ‘na vota

Into o cuorpo tuo

È scoppato ‘no scrupolo

Che e stentine t’a fatto atturciglia

L’ammore, che rè

Io nun to saccio dice però ‘na cosa aggio capito

Si circhi ammore

Consumi ‘a vita toia a ricurdà

Pecchè quanno e o mumento

L’ammore vene a t’e piglià

 

Nando Percopo

nella foto dipinto di Nando Percopo, “L’Ammore”

riproduzione riservata@wwwitalia.eu

Print Friendly, PDF & Email