“L’Università canta”, staffetta musicale universitaria italiana: il testimone al Coro 1506 di Uniurb

corouniurb

Aumentano le adesioni al progetto “L’Università canta”, pensato durante la quarantena dalla professoressa Laura Pesenti dell’Università di Bergamo con l’idea di raccogliere tutti gli studenti universitari italiani in un abbraccio virtuale attraverso la musica.

Nato ufficialmente il 21 giugno 2020 in occasione della “Giornata mondiale della musica”, il progetto vede il Coro universitario come esempio di unione e superamento delle differenze tra le persone, con la musica quale strumento di speranza e fiducia nel futuro.

In quella data il Coro degli Studenti dell’Università di Bergamo ha creato un video musicale sulle note di “Hey Jude” dei Beatles, quale primo “testimone’ da passare ad altre Università attraverso il canale YouTube “L’Università Canta”. E così il testimone è passato prima al Coro dell’Università di Perugia e ora al Coro 1506 dell’Università di Urbino che lo ha raccolto sulle note di “Good news, The Chariot’s Coming”.

L’intero progetto è visibile su youtube cercando “L’università canta”

Nella foto in alto il coro dell’Uniurb

 

Print Friendly, PDF & Email

About Eleonora Davide

IL DIRETTORE RESPONSABILE Giornalista pubblicista, è geologa (è stata assistente universitaria presso la cattedra di Urbanistica alla Federico II di Napoli), abilitata all’insegnamento delle scienze (insegna in istituti statali) e ha molteplici interessi sia in campo culturale (organizza, promuove e presenta eventi e manifestazioni e scrive libri di storia locale), che artistico (è corista in un coro polifonico, suona la chitarra e si è laureata in Discipline storiche della musica presso il Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino). Crede nelle diverse possibilità che offrono i mezzi di comunicazione di massa e che un buon lavoro dia sempre buoni risultati, soprattutto quando si lavora in gruppo. “Trovo entusiasmante il fatto di poter lavorare con persone motivate e capaci, che ora hanno la possibilità di dare colore e sapore alle notizie e di mettere il loro cuore in un’impresa corale come la gestione di un giornale online. Se questa finestra sarà ben utilizzata, il mondo ci apparirà più vicino e scopriremo che, oltre che dalle scelte che faremo ogni giorno, il risultato dipenderà proprio dall’interazione con quel mondo”.