Massimo Preziuso, campione nuotatore

Preziuso_Massimo

Sacrificio, dedizione e passione, parole chiave per il successo

Incontro Massimo Preziuso, classe 2005, di Monteforte Irpino (AV), insieme a suo padre che, da subito, mostra di essere molto orgoglioso di lui.

E ne ha ben motivo dato che Massimo è un nuotatore che per due anni di seguito è stato campione regionale di nuoto, conquistando nuovamente il titolo il 20 maggio scorso. Fa parte, inoltre, della rappresentativa campana che ha partecipato al trofeo nazionale “Gran prix città di Napoli” svoltosi il 26 e 27 maggio 2018 e si è qualificato per una gara per i prossimi campionati nazionali estivi a Roma. Ha due primati italiani di nuoto pinnato; infine, il prossimo 8 giugno, parteciperà alle qualificazioni per il Trofeo delle Regioni che si disputerà a Scanzano Jonico.

Massimo mi racconta che ha iniziato a fare nuoto quando aveva tre anni presso il Centro Sportivo di Avellino, come accade a tanti bambini che scelgono una disciplina sportiva per avviarsi allo sport. Nel suo caso, però, si è appassionato e anche il suo allenatore si è accorto che lui era bravo.

Dopo la scuola nuoto le sue tappe sono state l’iscrizione alla propaganda che ha confermato che Massimo aveva un certo potenziale e l’incontro con un allenatore che lo ha incoraggiato.

Inizialmente ha sostenuto delle gare per provare i tempi  e poi ha intrapreso l’agonistica sperimentando i quattro stili. Attualmente è ancora il suo allenatore che decide quali sono le gare che deve sostenere.

Quest’ultimo, Lorenzo Petruzziello, è anche lui irpino e lo allena da due anni presso il centro A.S.D. Piscine San Vincenzo di Mercato Sanseverino (Sa).

Massimo nel momento della premiazione

Massimo nel momento della premiazione

Massimo e uno dei suoi genitori si recano lì sei giorni la settimana (compresi i festivi) per gli allenamenti che durano tre ore e che si svolgono per la maggior parte in acqua e per trenta minuti in palestra per fare ginnastica o stretching.

L’allenamento è finalizzato alle gare e la squadra è composta da dieci ragazzi, di cui circa la metà provenienti dall’Irpinia, tutti di ottimo livello. Il centro sportivo Piscine San Vincenzo, chiaramente affiliato alla FIN,  è il quinto in Italia per punteggio. L’accumulo del punteggio dei medagliati fa sì che il centro venga premiato. Tutto dipende dall’allenatore che riesce a portare i suoi allievi a ottimi livelli.

Una vita, quindi, di grande sacrificio, sia per i genitori di Massimo, che con grande dedizione lo accompagnano ogni giorno, sia per lui stesso considerando che al rientro dall’allenamento Massimo svolge anche i compiti scolastici con buon profitto. Quest’anno gli orari scolastici gli hanno consentito di pranzare a casa dopo la scuola e poi andare ad allenarsi ma lo scorso anno mangiava in macchina durante il tragitto per la piscina.

Mentre, per il prossimo anno, quando Massimo comincerà le scuole superiori, saranno previsti anche dei doppi allenamenti. Come lo sport insegna è già molto bravo ad ottimizzare i tempi e riesce ad organizzarsi abbastanza bene per avere buone relazioni con i suoi coetanei.

Massimo predilige il Dorso, i misti e lo Stile ma lavora per perfezionarsi.

Mi racconta che prima della gara è molto ansioso ma poi quando entra in acqua pensa soprattutto ai vari andamenti e a ricordare i consigli del suo allenatore. Con i suoi compagni di squadra ha ottimi rapporti e si mantengono sempre in contatto.

Mi viene a questo punto spontaneo chiedergli se ha un sogno nel cassetto e la domanda forse è prematura avendo a fianco un ragazzo di appena tredici anni.

Massimo sorride e, con grande semplicità, mi risponde che per ora non pensa molto a se diventerà un famoso nuotatore o qualcos’altro.

A me non resta che chiedergli di tenermi aggiornata sui suoi prossimi successi che gli auguro, con grande sincerità,  continuino ad essere numerosi.

Riproduzione riservata WWWITALIA.EU

Maria Paola Battista

Print Friendly, PDF & Email

About Maria Paola Battista

Amo ascoltare, leggere, scrivere e raccontare. WWWITALIA mi dà tutto questo. Iniziata come un’avventura tra le mie passioni, oggi è un mezzo per sentirmi realizzata. Conoscere e trasmettere la conoscenza di attori, artisti, scrittori e benefattori, questo è il giornalismo per me. Riguardo i miei studi, sono sociologa e appassionata della lingua inglese, non smetto mai di studiare perché credo che la cultura sia un valore. Mi piace confrontarmi con tutto ciò che è nuovo anche se mi costa fatica in più. Difetti? Non ho una buona capacità di guardarmi intorno e, strano a comprendere forse, non sono molto curiosa! Grazie ai lettori di WWWITALIA per l’attenzione che riservano ai miei scritti e mi auguro di non deluderli mai. mariapaolabattista@wwwitalia.eu