MONACO, FERRARI IN POLE. MALE HAMILTON

ferrari monaco

Dopo quasi dieci anni la Ferrari realizza la doppietta in qualifica, con Raikkonen in testa seguito da Vettel. Giornata da dimenticare per Hamilton.

Fino dal giovedì la Ferrari è sembrata competitiva, ma durante le qualifiche le Rosse dominano la situazione. Kimi Raikkonen riesce a tirare fuori il meglio dalla vettura nello stretto tracciato del Principato di Monaco. Considerando che quest’anno le vetture sono nettamente più veloci e più ingombranti il risultato del finlandese è ancora più importante. kimi riesce a realizzare il tempo di 1:12,178. Sebastian Vettel va altrettanto bene, ma non riesce a raggiungere il massimo della prestazione come il compagno di squadra.

Mentre, per quanto riguarda la Mercedes, Valterri Bottas fa una buona prestazione e solo per due millesimi resta dietro a Vettel. Ma il colpo di scena è che Lewis Hamilton non è riuscito a qualificarsi per l’ultima sessione di qualifiche, probabilmente per eccesso di sicurezza il team e il pilota hanno deciso di tentare di realizzare il tempo utile negli ultimi minuti rimasti. Ma il setup non ottimale della vettura non ha aiutato, in più nell’ultimo giro utile Hamilton è costretto a rallentare per via dell’incidente di Vandoorne (il pilota è illeso). Insomma, una delle peggiori qualifiche nella carriera del pilota inglese, che in gara partirà tredicesimo.

Per la gara si profila una sfida interessante, quella tra i due ferraristi e la Mercedes di Bottas, senza dimenticare le RedBull che hanno avuto buoni risultati qui a Montecarlo. Ovviamente il tracciato permette rarissimo sorpassi, ma i pitstop ed eventuali incidenti o bandiere gialle possono rendere incerto l’andamento della corsa.

Print Friendly, PDF & Email

About Flavio Uccello

Ha 25 anni, giornalista pubblicista, consulente assicurativo e finanziario per Generali Italia. Oltre a trattare argomenti di natura socioeconomica, ha una smodata passione per i motori e il motorsport di cui scrive diffusamente nelle nostre rubriche. Ama leggere ed è molto curioso. Ha una gran voglia di comunicare con il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.