Sguardi di donna

Nowhere in Africa_foto

Ciclo di film e seminari all’Università degli Studi di Perugia e all’Istituto Tedesco dal 13 marzo al 5 giugno 2019

“Le donne hanno appena trovato il coraggio di guardare se stesse e la società con i propri occhi”, scriveva nel 1978 la regista Helke Sander.

Sono passati quarant’anni da allora e le donne hanno fatto passi da gigante, anche dietro la cinepresa: a questo sguardo è dedicata la manifestazione FRAUENfilm – Registe, che il Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia propone dal 13 marzo al 5 giugno 2019 insieme all’Istituto Tedesco Perugia, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, il Comune di Perugia e il Goethe-Institut Italia.

È un viaggio sorprendente in un cinema dalla forza inedita, capace di una straordinaria diversità di temi e di approcci, che prende avvio mercoledì 13 marzo, alle ore 20.30, con la proiezione del pluripremiato film di Frauke Finsterwalder Mondo oscuro (“Finsterworld”, 2013), una riflessione irriverente, dal tocco sofisticato, sulla società di oggi, in cui nulla è come appare.

Ingresso libero. Proiezioni in lingua originale con sottotitoli italiani.

Mercoledì 20 marzo sarà poi la volta del primo incontro di studi sull’immagine della donna nella società di oggi che il Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione proporrà nel corso di marzo. Il seminario, “Immagini al femminile: donne e società” avrà luogo nella sede del Dipartimento FiSSUF in Piazza G. Ermini 1 dalle 10 alle 14. Giovedì 28 marzo seguirà un secondo seminario presso il Dipartimento di Ingegneria.

Ad accompagnare gli incontri, fino al 5 giugno, è un ricco cartellone di film, tutti di recente produzione e inediti in Italia, le cui storie portano sullo schermo le tante e inaspettate facce della realtà di oggi: da Western (2017), in cui Valeska Grisebach ridisegna con originalità la geografia emotiva e sociale dei rapporti umani, mescolando pubblico e privato, a Addio inverno (“Winter Adè”, 1988), con cui Helke Misselwitz, un anno prima della caduta del muro di Berlino, firmava un formidabile reportage sulla condizione femminile nella DDR. E se Caroline Link è riuscita a conquistare l’Oscar con Nowhere in Africa (“Nirgendwo in Afrika”, 2001), oggi molte registe si districano abilmente tra i generi più diversi, come dimostrano la commedia di successo di Karoline Herfurth Un SMS per te (“Ein SMS für Dich”, 2016) o lo struggente ritratto dello scrittore Stefan Zweig Prima dell’alba (“Vor der Morgenröte”, 2016), di Maria Schrader, ennesime conferme che oggi in Europa il cinema migliore spesso si declina al plurale femminile.

La manifestazione è parte del progetto Reciproche visioni che il Dipartimento FiSSUF promuove dal 2012 insieme all’Istituto Tedesco Perugia nell’ambito delle attività di gemellaggio tra Perugia e le città tedesche di Potsdam e Tubinga. Il programma completo della manifestazione è consultabile sul sito dell’Istituto Tedesco Perugia.

Print Friendly, PDF & Email