Sidigas Avellino batte Openjobmetis Varese 76 -71

tabellone

Che squadra è Avellino? Stasera al PalaDelmauro se lo sono chiesto in molti. È una squadra che, da un momento all’altro, muta in ogni suo aspetto: attacco, difesa, mentalità e questa sera ha giocato due partite in una.

Un primo tempo che vede Avellino concedere 53 punti all’avversario mentre chiude, poi, in vittoria la partita con un distacco di soli 5 punti con Varese che ne realizza appena 18 nella ripresa.

Volontà di affermarsi e dimostrare il loro impegno in allenamento come anche la stoffa da campioni che caratterizza i giocatori più esperti di Avellino hanno consentito una vittoria che per metà partita era assolutamente impensabile.

Di seguito le dichiarazioni di coach Attilio Caja e Nenad Vucinic.

“Oggi è stata la partita in cui si sono viste le nostre due facce: la prima buona nel primo tempo, la seconda cattiva nel secondo. La stessa cosa potrebbe essere detta da Avellino, con la differenza che quando i giocatori sono maggiormente abituati a giocare a un certo livello riescono a vincere la partita. Noi abbiamo giocatori che non sono ancora pronti a giocare a un livello alto per cui quando si arriva al momento cruciale in cui bisogna tirare fuori un po’ di personalità e esperienza queste vengono a mancare. Troppe palle perse, errori abbastanza banali, mancanza di qualità, questi i motivi della nostra sconfitta.”

Coach Vucinic si complimenta, innanzitutto, con i suoi giocatori. Queste le sue dichiarazioni. “I ragazzi hanno dimostrato cuore e forza. Si sono resi conto che non stavano giocando per come si erano allenati e hanno reagito con coraggio. Erano dispiaciuti di non aver affrontato la partita nella maniera giusta: troppi errori soprattutto mentali. Poi la voglia di vincere ha prevalso, si è giocato molto bene in difesa dimostrando di poter superare una squadra attenta come Varese.”

Maria Paola Battista

@riproduzione riservata WWWITALIA.EU

Print Friendly, PDF & Email

About Maria Paola Battista

Amo ascoltare, leggere, scrivere e raccontare. WWWITALIA mi dà tutto questo. Iniziata come un’avventura tra le mie passioni, oggi è un mezzo per sentirmi realizzata. Conoscere e trasmettere la conoscenza di attori, artisti, scrittori e benefattori, questo è il giornalismo per me. Riguardo ai miei studi, sono sociologa e appassionata della lingua inglese, non smetto mai di studiare perché credo che la cultura sia un valore. Mi piace confrontarmi con tutto ciò che è nuovo anche se mi costa fatica in più. Difetti? Non ho una buona capacità di guardarmi intorno e, strano a comprendere forse, non sono molto curiosa! Grazie ai lettori di WWWITALIA per l’attenzione che riservano ai miei scritti e mi auguro di non deluderli mai. mariapaolabattista@wwwitalia.eu