La Burrasca presenta The pied piper. Si inizia stasera ad Aquilonia(AV)

La Burrasca, ensemble di strumenti storici, nell’ambito della manifestazione Carbonaria, festival di musica, letteratura, teatro e cinema, stasera alle 21,00 ad Aquilonia (AV), presso la badia di San Vito, suonerà musiche di Vinci, Ricupero, Hasse, Mancini. Ai flauti dolci ci sarà Mario Ricciardi; al fagotto barocco Guido Mandaglio, all’arciliuto Ugo Di Giovanni, e al clavicembalo Pierfrancesco Borrelli.

Programma

Anonimo

Antidotum Tarantulae

Leonardo Vinci (1696 – 1730)

sonata in fa maggiore per flauto e basso continuo

(adagio, allegro, largo, presto, pastorella)

Francesco Ricupero (prima metà XVIII sec – 1806 ca.)

cantabile dalla sonata per fagotto e basso

Johann Adolf Hasse (1699-1783)

cantata per flauto e basso continuo in sib maggiore

(allegro, adagio, allegro)

Francesco Mancini (1672 – 1737)

sonata in re minore per flauto e basso continuo 

(amoroso, allegro, largo, allegro)

Prossimi appuntamenti

Lacedonia (AV), piazza 1 maggio, 30 luglio ore 21,00

Calitri (AV), Borgo Castello, 31 luglio, ore 21,00

The pied piper ossia il pifferaio magico come nella famosa favola popolare “il pifferaio di Hamelin” ci introduce in un mondo musicale nel quale il piccolo flauto di legno rappresenta lo strumento incantatore. Dal suo suono si sprigiona una musica magica capace di incantare le persone e gli animali in un’atmosfera sognante e in armonia con la natura tutta. La musica strumentale scritta per il flauto dolce dai compositori del Settecento è intrisa dei colori della natura e in essa si fondono elementi colti e popolari, virtuosismi e cantabili melodie, improvvisazione e contrappunto. La tarantola fa capolino in un programma entusiasmante tra brani vivaci dal ritmo di danza e cantabili e amorosi adagi sostenuti come da prassi dagli “strumenti di fondamento”. Tutti gli strumenti dell’epoca, sia monodici che da basso continuo, erano insegnati già dalla fine del XVI secolo nei quattro orfanotrofi/conservatori di musica napoletani nei quali si formarono e insegnarono i maggiori compositori del Regno di Napoli.

L’ensemble

La Burrasca è un ensemble fondato nel 2011 la cui attività si incentra principalmente sulla esecuzione di musica antica in particolare della scuola napoletana con strumenti storici secondo i princìpi dell’Historical Informed Practies.

È diretto al cembalo da Pierfrancesco Borrelli ed è costituito da un numero variabile di elementi secondo le esigenze del repertorio (traversiere e flauto dritto, oboe, archi, fagotto, viola da gamba, arciliuto, clavicembalo sono generalmente gli strumenti utilizzati nei programmi proposti).

I componenti del gruppo suonano copie di strumenti storici a 415 hz come da prassi esecutiva dell’epoca e si avvalgono di un’esperienza ventennale nell’ambito della prassi esecutiva barocca esercitando la loro professionalità nei maggiori gruppi strumentali europei del settore e partecipando ai più importanti festival nazionali ed internazionali.

Print Friendly, PDF & Email