A PALERMO L’XI GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

IMG-20180224-WA0004

Nella città siciliana due convegni per celebrare la ricorrenza

Il 21 febbraio è stata celebrata la Giornata Nazionale del Braille. Anche Palermo darà spazio a questa importante ricorrenza per sensibilizzare l’opinione pubblica e le amministrazioni sulla realtà dei non vedenti per favorire, con ogni mezzo, la loro inclusione nella società. Sono due gli appuntamenti nel capoluogo siciliano. Si inizierà lunedì 26 febbraio alle ore 16,30 all’Hotel Astoria Palace in via Montepellegrino, con un convegno al quale interverrà Nicola Stilla, presidente del Club Italiano del Braille, spiegando il significato e l’importanza della Giornata Nazionale del Braille. All’incontro saranno presenti anche il presidente del Consiglio Regionale U.I.C.I. della Sicilia Renzo Minincleri, il presidente della Sezione Territoriale U.I.C.I. di Palermo Tommaso Di Gesaro, i presidenti degli Enti del coordinamento nazionale e le autorità politiche e amministrative. Seguirà Mario Barbuto, Presidente Nazionale U.I.C.I. con “L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti a sostegno del Braille, oggi e domani” . Nel corso del convegno è prevista l’esibizione del soprano Francesca Mannino, accompagnata dalla pianista Emanuela Spina, del Maestro pianista Marco Orsini e il Maestro liutista Saverio Piccillo. E ancora: il Coro polifonico “Beyond Eyes” di Roberta e Federica Di Franco. Ampio spazio pure all’arte con la presentazione del libro “Filippo e Louis Braille – un racconto ispirato dalla vera storia dell’inventore dell’alfabeto Braille” di Fabiana Santangelo e “Caravaggio: l’arte si tocca con tatto” con l’Architetto Ludovico Gippetto. Ma non è finita: ci saranno anche le testimonianze di ragazzi e ragazze dell’ U.I.C.I. che il Braille ogni giorno lo usano a scuola, sul lavoro e nella vita personale. Il secondo appuntamento si svolgerà martedì 27 febbraio nell’Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia – Edificio 12 – all’Università degli Studi di Palermo in via Ernesto Basile, a partire dalle ore 9,30. Anche qui si svolgerà un convegno al quale, tra gli altri, parteciperà il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. I relatori saranno: Stefano Boca, professore ordinario di scienze psicologiche, pedagogiche e della formazione  dell’Università degli Studi di Palermo; Stefano Salmeri, professore di pedagogia generale e sociale dell’Università Kore di Enna; Marco Condidorio, coordinatore della commissione nazionale Istruzione U.I.C.I.; Salvatore Romano, Direttore generale U.I.C.I. e Concetta Marta Zocco. Ma facciamo un passo indietro. La Giornata Nazionale del Braille è stata istituita con una legge dello Stato italiano nel 2007, per ricordare la scrittura dei ciechi inventata da Louis Braille nella prima metà dell’Ottocento.  L’invenzione della scrittura Braille rappresenta un enorme progresso per i non vedenti che, attraverso questo strumento, possono accedere alla scrittura e alla lettura e quindi alla conoscenza, allo studio, all’informazione, integrandosi nella società tra i normovedenti. Nonostante i progressi fatti con la tecnologia, si vedano i computer e gli smartphone dotati di sintesi vocale, la scrittura Braille è ancora oggi un importante e fondamentale strumento per l’istruzione di 30.000 studenti ciechi e ipovedenti nelle scuole italiane di ogni ordine e grado.

Serena Marotta

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.