Visioni d’Istria, Fiume, Dalmazia nella Letteratura italiana. Il convegno internazionale a Trieste

Copertina

Presso la sede del Civico Museo della Civiltà Istriana, Fiumana e Dalmata, Via Torino 8, giovedì 7 e venerdì 8 novembre cento relatori arrivano dalle migliori Università d’Italia e dall’estero. Coordinatori del convegno i professori Cristina Benussi e Giorgio Baroni. Il convegno è stato promosso dall’Irci (Istituto regionale per la cultura istriano-fiumano-dalmata) e dal Dipartimento di studi umanistici dell’Università degli Studi di Trieste.

Per un diverso approccio alla conoscenza della realtà, delle tradizioni e della cultura dei territori d’oltre Adriatico, già insediamento plurimillenario italiano, gradualmente abbandonato a causa di successivi esodi fra Ottocento e Novecento, fino al più devastante alla fine della seconda guerra mondiale, è stato proposto agli studiosi della letteratura italiana di rintracciare, fra i testi scritti in italiano nei vari secoli, opere letterarie che riferiscano di visioni dell’Istria o di Fiume o della Dalmazia non soltanto con riferimento a vedute paesaggistiche delle coste, delle città, delle isole, ma anche dei costumi, degli interni, delle bellezze umane, delle espressioni artistiche, a prescindere dal fatto che l’autore riferisca di cose viste davvero o qualsiasi sorta di visione pure indiretta, fantastica, onirica. Per Istria, Fiume e Dalmazia nel complesso qui s’intende quell’insieme di territori che sta fra Trieste e l’Albania escluse. Non si trattava necessariamente di cercare scritti di giuliano-dalmati, ma di autori di qualsiasi estrazione, purché le opere fossero scritte in italiano e/o in dialetti italiani o anche in latino, questo però soltanto se l’autore scriveva anche in italiano (per es. altre opere, lettere, memorie, ecc.); nessun limite per la ricerca che poteva spaziare dalle origini della letteratura italiana a oggi. Si tratta di un argomento nuovo sul quale non esiste una bibliografia critica preconfezionata.

Il congresso si celebrerà a Trieste (Civico Museo della Civiltà Istriana, Fiumana e Dalmata, Via Torino 8) nei giorni 7 e 8 novembre 2019, anche con sessioni parallele.

Per scaricare il programma completo cliccare QUI

Print Friendly, PDF & Email

About Eleonora Davide

IL DIRETTORE RESPONSABILE Giornalista pubblicista, è geologa (è stata assistente universitaria presso la cattedra di Urbanistica alla Federico II di Napoli), abilitata all’insegnamento delle scienze (insegna in istituti statali) e ha molteplici interessi sia in campo culturale (organizza, promuove e presenta eventi e manifestazioni e scrive libri di storia locale), che artistico (è corista in un coro polifonico, suona la chitarra e si è laureata in Discipline storiche della musica presso il Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino). Crede nelle diverse possibilità che offrono i mezzi di comunicazione di massa e che un buon lavoro dia sempre buoni risultati, soprattutto quando si lavora in gruppo. “Trovo entusiasmante il fatto di poter lavorare con persone motivate e capaci, che ora hanno la possibilità di dare colore e sapore alle notizie e di mettere il loro cuore in un’impresa corale come la gestione di un giornale online. Se questa finestra sarà ben utilizzata, il mondo ci apparirà più vicino e scopriremo che, oltre che dalle scelte che faremo ogni giorno, il risultato dipenderà proprio dall’interazione con quel mondo”.