“NOI CREATIVI”, Incontro Culturale di Arte e Letteratura Contemporanea

Angrisani

Successo per l’iniziativa dell’Accademia Internazionale ARTE E CULTURA di Belle Arti, Lettere e Scienze Michelangelo Angrisani a Cava de’ Tirreni 

Sabato 19 Ottobre 2019 presso il Bar Gelateria La Torretta di Cava de’ Tirreni (SA) ha raccolto il plauso del pubblico la 3° Edizione del progetto “NOI CREATIVI”, Incontro Culturale di Arte e Letteratura Contemporanea organizzata dall’Accademia Internazionale ARTE E CULTURA di Belle Arti, Lettere e Scienze Michelangelo Angrisani. Sono intervenuti: il Prof. Fabio Dainotti, Critico Letterario da Cava de’ Tirreni;  la Prof.ssa Paola La Valle, Scrittrice e Giornalista; il Presidente dell’Accademia, Michelangelo Angrisani; il Dott. Fausto Di Lorenzo, Regista Cinematografico e Documentarista. Hanno proposto le loro poesie: Giuseppina Amendola , Annabella Mele, Daniela Cannella, Anna Maria Santoriello, Miriam Claps, Carlo Pepe, Antonino Tamigi, Emanuele Occhipinti, Ignazio De Rosa.

Sono state esposte le opere di liana Scocco Cilla, Mimma Arturo, Cosimo Marruso e Giovanni Guadagno presentati da Michelangelo Angrisani, che ha commentato le opere degli artisti. È seguito un momento di discussione del pubblico con gli artisti e organizzatori sulle opere esposte, delle poesie recitate e sulle attività dell’Accademia. Ha condotto la serata la Prof.sa Paola La Valle, Poetessa e Scrittrice.

E proprio Michelangelo Angrisani a spiegarci di cosa si occupa l’Accademia Internazionale Arte e Cultura di Belle Arti, Lettere e Scienze di cui è fondatore e presidente. L’artista che applica singolari tecniche per la realizzazione delle sue opere, è sia pittore che scultore occupandosi principalmente di temi a carattere sacro.

«Tutto è iniziato da un gruppo di amanti dell’arte, oggi l’Accademia ha diverse sedi, 15 tra quelle sul territorio e all’estero, la sede centrale è a Castel San Giorgio (SA), ma abbiamo sedi in 8 nazioni, tra cui la Francia, la Spagna, la Romania, l’Algeria, Israele, l’Egitto, il Belgio. Esistono delegati regionali in Italia e attraverso di loro mettiamo in campo attività».

 In cosa consiste l’attività dell’Accademia?

«Mostre, convegni, scambi culturali, incontri, presentazioni di libri. Abbiamo anche inserito recentemente nelle attività anche il Cinema e la Musica.»

Mi parli della sua arte.

«Sono un ricercatore, ho creato per questo diverse tecniche come il colore nel marmo, il colore nel legno e la tecnica mista che tiene conto del recupero dei materiali da buttare. Si tratta dell’asciugamano di carta che i barbieri usavano per pulire i pennelli, io li riusavo per pulire i pennelli quando dipingevo, quando mi resi conto da questo “struscia e struscia” dei pennelli venivano fuori forme interessanti, così li ho attaccati sulla tela creando alcune mie opere molto apprezzate. Ho anche usato l’argento. Per le sculture uso anche l’argento, il bronzo o l’argilla.»

La ringrazio. Ci aggiorni sulle attività dell’Accademia.

©Riproduzione riservata WWWITALIA

Print Friendly, PDF & Email

About Eleonora Davide

IL DIRETTORE RESPONSABILE Giornalista pubblicista, è geologa (è stata assistente universitaria presso la cattedra di Urbanistica alla Federico II di Napoli), abilitata all’insegnamento delle scienze (insegna in istituti statali) e ha molteplici interessi sia in campo culturale (organizza, promuove e presenta eventi e manifestazioni e scrive libri di storia locale), che artistico (è corista in un coro polifonico, suona la chitarra e si è laureata in Discipline storiche della musica presso il Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino). Crede nelle diverse possibilità che offrono i mezzi di comunicazione di massa e che un buon lavoro dia sempre buoni risultati, soprattutto quando si lavora in gruppo. “Trovo entusiasmante il fatto di poter lavorare con persone motivate e capaci, che ora hanno la possibilità di dare colore e sapore alle notizie e di mettere il loro cuore in un’impresa corale come la gestione di un giornale online. Se questa finestra sarà ben utilizzata, il mondo ci apparirà più vicino e scopriremo che, oltre che dalle scelte che faremo ogni giorno, il risultato dipenderà proprio dall’interazione con quel mondo”.