Bellezza e Make-up di Memy De Santis – La Skin care coreana

Oggi l’articolo della nuova rubrica di WWWITALIA dedicata al trucco e ai suoi segreti, con cui la Make-up artist Memy De Santis ci accompagnerà  nella scoperta di un elemento fondamentale del make-up: la Skin care corena. Dopo l’articolo sui pennelli da usare,  quello sul colore, quello sull’uso del fondotinta, quello sulla cura delle sopracciglia, quello sulle ciglia, quello sul rossetto, quello sulla linea di trucco Cliomakeup popupquello sul rossetto rosso, quello su ciò che dobbiamo avere nel nostro beauty, quello sul Kajalquello sulle creme viso e quello sul primer viso questi semplici consigli sveleranno a chi voglia usare al meglio le proprie potenzialità il segreto della base del trucco.

Ultimamente avrete sicuramente sentito parlare della Skin care coreana.

Questa popolazione, infatti, dà grande importanza alla cura della pelle del viso che secondo il loro ideale di bellezza deve essere sempre curata e luminosa.

Questa routine si svolge in 10 step e si basa sulla stratificazione di più prodotti.

Nell’universo della bellezza coreana questa pratica rappresenta un vero e proprio rito, un momento speciale da vivere due volte al giorno per prendersi cura in tutta calma della propria pelle.

Dalla detersione all’esfoliazione passando per idratazione, la beauty routine korean style mattutina e serale stratifica appunto le texture con la regola di partire sempre da quelle più leggere per terminare con quelle più corpose.

Nonostante vi siano 10 step da seguire non è detto che questa routine rubi troppo tempo, in linea di massima ci vogliono 15 minuti, escludendo però il tempo di posa delle maschere viso.

Il primo passaggio è quello di detergere il viso con una base oleosa, possibilmente naturale (come può essere l’olio di cocco).

Questo step servirà per eliminare tutte le impurità dal viso in modo delicato.

Dopo aver ripulito il viso con un panno di microfibra, si passa al secondo step, che consiste nella detersione con un detergente in schiuma per eliminare i residui oleosi. Una volta terminato questo step, si passa all’esfoliazione.

Esfoliare il viso con regolarità consente alla pelle di essere luminosa e libera da cellule morte e impurità.

Esfoliare in maniera intensa due volte al giorno la pelle potrebbe, però, rischiare di rimuovere il film idrolipidico andando a sensibilizzarla.

Per questo motivo è bene scegliere formule delicate e in questo senso è possibile optare per un esfoliante enzimatico privo di particelle che fisicamente “scrubbano” e capace di eliminare le cellule morte grazie agli attivi presenti nella formula. Concentrarsi prevalentemente nelle zone problematiche, come ad esempio il naso o il mento, preverrà il formarsi dei tanto odiati punti neri.

Dopo aver esfoliato, andremmo ad utilizzare prima un tonico per eliminare ogni particella di detergenti prevalentemente utilizzati e poi andremmo ad applicare un’essenza viso, un prodotto coreano che serve a coadiuvare l’idratazione e a preparare la pelle per i trattamenti successivi.

Dopo questo step andremmo ad applicare il siero viso, un concentrato che si applica prima della crema idratante per dare un booster di bellezza alla nostra pelle.

Successivamente andrà applicata una maschera viso in tessuto. Le maschere viso in tessuto, sono un vero e proprio must have ormai.

Gli ultimi step consistono nell’applicazione di una crema contorno occhi, di una crema viso e una protezione solare (per la seduta del mattino) e una maschera viso da notte (per la routine della sera).

©Riproduzione riservata WWWITALIA

Memy2

Memy De Santis, make-up artist, diplomata nel 2016 presso la Raffaella Vallone supported by Kryolan di Napoli e specializzata in make-up con aerografo.

“Il make-up è l’arte che ci permette si essere chiunque vogliamo […] Amo vedere lo sguardo delle persone dopo il trucco, è come se si guardassero per la prima volta.”

Truccare è la sua missione, non solo una passione. Ha iniziato questa professione con l’idea di aiutare le persone, farle sentire più sicure in se stesse. Esprimere e valorizzare la bellezza che c’è in un individuo è la sua prerogativa.

Print Friendly, PDF & Email